ACCEDI
Sei già registrato?
Effettua l'accesso
Nome utente
Password
ENTRA
Password dimenticata?
Sei un nuovo Cliente? Registrati subito!
Registrati
Contattaci dal Lunedì alla Domenica
dalle 9 alle 22 anche festivi 347 5093427
Contattaci
347 5093427
0
 
Prodotti nel carrello
Prodotti nel carrello: 0
    
Totale: 0,00 €
IVA incl.
Svuota Vedi il carrello
CARRELLO DELLA SPESA
Prodotti nel carrello: 0
    
Totale: 0,00 €
IVA incl.
Svuota Vedi il carrello
HOME » BONUS MOBILI 2018
CATALOGO
Ultimi prodotti
149,00 104,30
IVA incl.

News

BONUS MOBILI 2018

Come funziona il bonus mobili 2018

Il bonus mobili, o bonus arredi, consiste nella possibilità di detrarre dall’Irpef (l’imposta sul reddito delle persone fisiche) i costi sostenuti per l’acquisto di arredi e grandi elettrodomestici, in occasione della ristrutturazione dell’abitazione.

Le spese per l’acquisto, nel dettaglio, sono detraibili al 50%, entro un limite massimo di spesa di 10mila euro, da ripartire in 10 rate di pari importo: in pratica, se si spendono 10mila euro tra arredi e grandi elettrodomestici si possono scontare 5mila euro dalle tasse. Lo sconto, però, va ripartito in 10 anni, il che significa che ogni anno si ha diritto a togliere 500 euro dall’Irpef.

Quali mobili beneficiano del bonus

Sono inclusi nel bonus i seguenti mobili:

- grandi elettrodomestici (frigorifero, congelatore, lavastoviglie, forno, lavatrice, asciugatrice, tutti di classe non inferiore alla A+, tranne il forno, per il quale è sufficiente la classe A);
- arredi di uso quotidiano (armadi, letti, sedie, tavoli, mensole, cassettiere…);
componenti della cucina (basi, credenze, etc.) e mobili contenitori per il bagno.

Bonus mobili e ristrutturazione

Come abbiamo detto, perché si possa beneficiare dell’agevolazione l’acquisto di arredi e di grandi elettrodomestici deve avvenire in occasione della ristrutturazione dell’abitazione.

Per ottenere la detrazione è necessaria una dichiarazione di ristrutturazione, cioè una comunicazione al Comune in cui si trova l’immobile, o un titolo abilitativo comunale, da cui risulti una data di inizio lavori. Nel caso in cui l’intervento non ne preveda l’obbligatorietà, è sufficiente una dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà.

Il bonus mobili, in ogni caso, è cumulabile col bonus ristrutturazione (cioè con la possibilità di detrarre al 50% i costi sostenuti per gli interventi di ristrutturazione, sino a un tetto massimo di 96mila euro; anche in questo caso la detrazione va ripartita in 10 anni).

Adempimenti necessari per il bonus mobili 2018

Per accedere al bonus mobili 2018 è necessario essere in possesso dei seguenti documenti:

  1. fattura relative alle spese sostenute;
  2. bonifico parlante, indicante la causale del versamento, il numero e la data della fattura, i dati del richiedente la detrazione (che può anche essere diverso dall’ordinante), il codice fiscale del beneficiario;
  3. dichiarazione di ristrutturazione, o, in alternativa, titolo abilitativo comunale da cui risulti la data di inizio lavori; se non necessari, è sufficiente una dichiarazione sostitutiva dell’ atto di notorietà.

track

Questo sito utilizza cookie per gestire, migliorare e personalizzare la tua esperienza di navigazione. Chiudendo questa notifica acconsenti al nostro utilizzo dei cookie. Leggi di più

chiudi